Passa ai contenuti principali

7 Risposte a 7 Perché

Da quando è uscito il mio libro Esercizi di Felicità - Allenare il cuore e la mente a essere felici ricevo numerosi messaggi da diverse persone che chiedono la mia opinione in merito a diversi "perché". Ho sintetizzato qui di seguito le mie risposte alle loro domande, nella speranza che possano offrire una prospettiva diversa e qualche chiarimento in più. Eccole:


1- Perché pensiamo sempre al passato o al futuro e mai al presente?

Perché il nostro cervello non è in grado di 
elaborare tutti i dati provenienti dalla realtà esterna, quindi si concentra su ciò che è già accaduto o su ciò che potrebbe accadere ma raramente su ciò che sta accadendo qui e adesso.

2- Perché alcune persone ci piacciono e altre no?
Perché i nostri canoni mentali (perlopiù inculcati e indotti) dettano le nostre preferenze ed emozioni: ci piace chi è, pensa, dice e fa ciò che è in sintonia con i nostri canoni, e ci piace ciò che ci torna comodo o vantaggioso. Chi invece non rispetta i nostri canoni, non ci torna comodo né vantaggioso, non ci piace.

3- Perché rincorriamo chi ci sfugge?
Perché siamo cresciuti con pezzi di dolore che vivono e sempre vivranno dentro di noi. Percependo il dolore del rifiuto e dell’abbandono in un certo senso torniamo a rivivere ciò che inevitabilmente ci ha fatto vivere chi ci ha dato la vita. Per questo ci sentiamo “vivi”. Infelici, ma vivi.

4- Perché fuggiamo da chi ci rincorre?
Perché tendiamo ad avere una bassa considerazione di chi apprezza chi noi disprezziamo: noi stessi. Oppure perché l’altro - ai nostri occhi - non ha niente che sia in grado di renderci (in)felici (se avesse il potere di renderci felici, automaticamente avrebbe anche il potere di renderci infelici!) e quindi non ci risulta "appetibile" ma solo fastidioso.


5- Perché ci arrabbiamo con chi amiamo?

Perché ci aspettiamo che chi amiamo ci capisca e sia dalla nostra parte sempre, comunque e dovunque. Il che è praticamente impossibile nonché controproducente e innaturale.

6- Perché molte persone sono cattive?
Perché interiormente vivono profonde insoddisfazioni e vecchi tormenti, e l’unico modo che conoscono per alleviare il proprio malessere è causarlo al prossimo. Ma attenzione: sono sempre gli altri a essere cattivi? Giudicare gli altri è molto più facile che giudicare se stessi. Questo è poco ma sicuro. 

7- Perché è così difficile essere felici?
Perché è difficile essere buoni senza nutrire aspettative di ritorno. Per essere felici occorre rimuovere dalla propria mente una vasta serie di idee e convinzioni disfunzionali e fuorvianti, nonché concetti e pregiudizi oltremodo inefficaci e incorretti. Il che non è affatto facile. Ma facile e felice sono due cose ben diverse.  



Post popolari in questo blog

35 motivi per cui sei infelice

1- Pensi pensieri controproducenti, inefficaci e inutili Qualsiasi cosa tu pensi di una persona o di una situazione ha il potere di renderti (in)felice. Scegli con cura cosa e come pensare anziché cadere vittima dei tuoi pensieri.
2-Ti preoccupi Occupi inutilmente spazio utile nella tua mente prima ancora che gli avvenimenti accadano, illudendoti di poterne prevedere l'impatto che potrebbero avere nella tua vita. 
3-Ti illudi di avere il controllo su tutto/i Il bisogno e il desiderio di controllo sono trappole della mente. C’è solo una cosa su cui è possibile avere il pieno controllo: la qualità dei propri pensieri. Tutto il resto è un’illusione. 

Depressione: la malattia dell'anima

Secondo un recente rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità circa 300 milioni di persone soffrono di depressione. Di queste ogni anno 800 mila si suicidano. Oggi nel terzo millennio, nell'era del progresso e della tecnologia a livelli mai visti prima, la depressione uccide più dei conflitti armati e dei disastri naturali messi insieme. Ma di cosa si tratta esattamente?