Passa ai contenuti principali

35 motivi per cui sei infelice

1- Pensi pensieri controproducenti, inefficaci e inutili
Qualsiasi cosa tu pensi di una persona o di una situazione ha il potere di renderti (in)felice. Scegli con cura cosa e come pensare anziché cadere vittima dei tuoi pensieri.

2- Ti preoccupi
Occupi inutilmente spazio utile nella tua mente prima ancora che gli avvenimenti accadano, illudendoti di poterne prevedere l'impatto che potrebbero avere nella tua vita. 

3- Ti illudi di avere il controllo su tutto/i
Il bisogno e il desiderio di controllo sono trappole della mente. C’è solo una cosa su cui è possibile avere il pieno controllo: la qualità dei propri pensieri. Tutto il resto è un’illusione. 

4- La tua felicità dipende da fattori che non dipendono da te
Finché la tua felicità sarà condizionata da cose o persone su cui non hai alcun potere, è oltremodo improbabile che si verifichi. Fa’ in modo che la tua felicità dipenda in primis da te. 

5- Ciò che ti rende felice non è ciò che fai abitualmente
La tua quotidianità è una tua scelta. Se non ti rende felice è solo colpa tua. Se ti rende felice è tutto merito tuo. Gli altri non c’entrano. 

6- Non hai (ancora trovato) uno scopo nella vita
Ciò che ti rende e ti fa sentire diverso è la tua risorsa più grande. Parti da lì per arrivare a diventare chi sei davvero destinato ad essere.

7- Non ti piace la solitudine
Stai sottovalutando il potere educativo, ricreativo e terapeutico del fare pace con te stesso. 

8- Frequenti persone che non ti piacciono
Meglio loro che la solitudine? 

9- Non ti piace come gira il mondo
Il mondo per certi versi è un posto da sogno, per altri un incubo. Fa’ la tua parte ma non avere aspettative di ritorno. 

10- Gli altri non seguono le tue regole
Gli altri hanno un passato diverso dal tuo, gusti diversi dai tuoi, idee diverse dalla tue. E ricorda: diverso non significa migliore o peggiore, significa diverso. Punto. 

11- Hai sposato chi non ami (più)
È una tua scelta continuare a starci insieme.

12- Hai fatto figli con chi non ami (più)
Impara da loro ad amare per sempre.

13- Serbi rancore
Qualsiasi cosa sia accaduta prima di adesso non esiste più, se non nei tuoi ricordi. Il passato è solo un luogo da visitare, non in cui vivere. 

14- Ti paragoni agli altri
Ci sarà sempre qualcuno migliore di te, fattene una ragione. E checché se ne dica, tu sarai sempre migliore di qualcun altro. Fine della storia.

15- Preferisci ciò che è facile a ciò che ti rende felice
Se scegli il facile, non ti lamentare se poi non ti rende felice. Se la felicità fosse una cosa facile, saremmo tutti felici. 

16- Preferisci avere anziché essere
Prima di aspirare ad avere la casa dei tuoi sogni, l’amore dei tuoi sogni, il lavoro dei tuoi sogni, chiediti prima se tu sei chi sognavi di essere. 

17- Impieghi inefficacemente il tuo tempo
Se non scegli come usare il tuo tempo, qualcun altro userà il tuo oltre o invece del proprio. 

18- Rimpiangi il passato
Non si torna indietro. È inutile pensarci.

19- Sei in ansia per il futuro
La vita è un’imprevedibile incertezza. Le tue ansie e preoccupazioni non la renderanno una prevedibile certezza. 

20- Stai invecchiando e non lo accetti
Più ti ostini a combattere contro le leggi (note ed ignote) della natura, più sei destinato a soffrire. 

21- Fai un lavoro che non ti piace
E chi lo ha scelto?

22- Non hai soldi
Se nasci povero non è colpa tua. Se muori povero è colpa tua. 

23- Hai problemi di salute
Se continui a caricare sulla tua anima pesi insopportabili, il tuo corpo cederà prima del tempo.

24- Non sai prenderti cura di te
Impara a trattarti come vorresti essere trattato.

25- Credi a tutto ciò che pensi
La mente il più delle volte mente. Non darle sempre ascolto.

26- Vuoi la perfezione
Non esiste. Goditi le imperfezioni e trasformale da limiti in risorse.

27- Sei insicuro
Fa’ pace con le tue insicurezze. Fanno tanto baccano solo perché vogliono essere riconosciute. Ma una volta accolte, si ridimensioneranno.

28- Temi il fallimento
Sbagliare è ciò che ci rende umani. Imparare dai nostri sbagli è ciò che ci rende migliori. Continuare è ciò che ci rende chi siamo.

29- Cerchi conferme e consensi 
Secondo te gli altri ne sanno più di te su di te?

30- Rimandi
Se non lo fai, significa che per te non è importante, altrimenti lo faresti. Se non è importante, significa che non ha alcun potere su di te, tranne quello che tu gli concedi.  

31- Sei impaziente
Non credere che il futuro potrà renderti più felice se non cambi i tuoi atteggiamenti mentali e comportamentali.

32- Ogni cosa e ogni persona ti annoia
Abbassa o riduci ai minimi termini le tue aspettative.

33- Dormi poco e male
La qualità del sonno durante notte è direttamente proporzionale alla qualità della vita e dei pensieri formulati durante il giorno.

34- Dipendi da qualcosa o da qualcuno
Siamo tutti interdipendenti, dipendiamo tutti gli uni dagli altri. Scegli con attenzione da chi dipendere.

35- Non credi alla felicità 
Ogni cosa esiste solo se esiste il suo contrario. Se sei infelice, significa che la felicità esiste. Non ci devi credere. Le devi solo far spazio eliminando tutto il superfluo che c’è in questa lista e oltre.
Per saperne di più

Post popolari in questo blog

7 Risposte a 7 Perché

Da quando è uscito il mio libro Esercizi di Felicità - Allenare il cuore e la mente a essere felici ricevo numerosi messaggi da diverse persone che chiedono la mia opinione in merito a diversi "perché". Ho sintetizzato qui di seguito le mie risposte alle loro domande, nella speranza che possano offrire una prospettiva diversa e qualche chiarimento in più. Eccole:


1- Perché pensiamo sempre al passato o al futuro e mai al presente?
Perché il nostro cervello non è in grado di 

Depressione: la malattia dell'anima

Secondo un recente rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità circa 300 milioni di persone soffrono di depressione. Di queste ogni anno 800 mila si suicidano. Oggi nel terzo millennio, nell'era del progresso e della tecnologia a livelli mai visti prima, la depressione uccide più dei conflitti armati e dei disastri naturali messi insieme. Ma di cosa si tratta esattamente?